Crea sito

L’educazione delle giovani fanciulle

0 commenti

Proprio lei che credeva nell'importanza dell'educazione letteraria nelle scuole ebbe una singolare formazione. Ce lo svela quando racconta in Un matrimonio di provincia di Denza e delle sue passeggiate con il padre.....

" Non ci mandava neppure a scuola, perché diceva che tutte quelle ore d'immobilità sono micidiali. C'insegnava lui di quando in quando a leggere, scrivere e far di conto. E durante le nostre passeggiate faceva la nostra educazione letteraria. Almeno lui lo credeva, perché ci raccontava l' Iliade , l'Eneide, la Gerusalemme. Si animava, gesticolava narrando di eroi che si battevano soli contro un'armata, sollevavano macigni grossi come montagne e li scaraventavano contro il nemico, compievano le imprese più stupefacenti ed in verosimili; , quando finiva quelle narrazioni, il povero babbo era tutto ansimante ed in sudore, come se quelle gesta le avesse fatte lui.

Noi non dividevamo punto la sua ammirazione. prive dell'attrattiva della forma, dette così fra due campi di granturco, quelle cose ci parevano stravaganze, e non ci riusciva di capire come potessero costituire la nostra educazione letteraria. Le confondevamo con certe fole bislacche, che ci raccontava la zia nelle sere di pioggia, e non le trovavamo neppure belle".

Lascia un commento




* campi obbligatori, l'email non sará visualizzata